Il Day-After di Benevento – Livorno. Tre punti per il futuro…

BeneventoLivorno, una di quelle partite che, per chi non segue determinate dinamiche calcistiche ed in particolare di questa pazza serie B, alla vigilia l’avrebbe potuta definire una gara dal risultato scontato, tra due squadre dai valori opposti ed impari e con un rapporto di organici letteralmente differente. Poi c’è il campo, dove capita non di rado che queste differenze si riducono o addirittura in alcuni casi si azzerano del tutto. Ieri sera per circa un’ora al Vigorito è accaduto proprio questo, da un lato un Benevento reduce da due sconfitte ed alla disperata ricerca del successo e dall’altra una squadra che con solo due miseri punti in classifica ha cercato di portare a casa un preziosissimo pareggio, con la consapevolezza che comunque non sarebbe stato semplice.

L’approccio alla gara di Maggio e compagni non è stato sicuramente dei più semplici e sereni, le critiche giustamente piovute dopo due sconfitte con due prestazioni molto al di sotto delle possibilità di una squadra importante hanno condizionato piedi e testa di gran parte degli undici scelti da mister Bucchi. Tant’è che la prima frazione è scivolata all’intervallo tra molti sbadigli e pochi sussulti, al cospetto di un Livorno che senza dannarsi più di tanto ha controllato i giallorossi imponendo il suo ritmo compassato, rischiando qualcosa solo in un paio d’occasioni dove Mazzoni ci ha messo una pezza.

L’intervallo e probabilmente lo sprono di mister Bucchi ha ridato vigoria e più gamba ai giallorossi che svegliati anche da una fastidiosa pioggia hanno finalmente iniziato a pigiare il piede sull’acceleratore sbloccando la gara su un calcio di rigore tanto ingenuo quanto sacrosanto, freddamente trasformato da Massimo Coda. La restante mezz’ora è poi scivolata via senza grossi sussulti ne da una parte ne dall’altra, con Lucarelli che ha rimodellato l’attacco e con Bucchi che pur senza chiudersi, ha optato per i soliti avvicendamenti sugli esterni e di uno dei tre centrocampisti. Tutto è bene ciò che finisce bene e al di la di una prestazione che possiamo definire senza infamia e senza lode, il Benevento ringrazia e porta a casa tre punti che in questo momento fanno morale e soprattutto classifica.

La prestazione di squadra sicuramente non è stata idilliaca, ancora troppi calciatori giocano più da individualisti che come parte integrante di un undici, ma è anche vero che questa compagine ha cambiato circa 7/11 e quindi un po’ di tempo anche ci vuole per ragionare in ottica comunitaria. Sicuramente la squadra spenta vista a Pescara non si è ripetuta al Vigorito, però sotto l’aspetto caratteriale e del far sentire il fiato sul collo all’avversario si può e si deve fare ancora di più. Dico questo perchè è abbastanza riscontrabile che se le compagini che scendono al Vigorito vengono messe alle corde sotto forma di aggressività, corsa e perchè no anche facendo sentire loro i tacchetti, qualcosa la pagano ed è li che gli esperti giallorossi in campo ne debbono approfittare.

Sulle solite valutazioni dei reparti, possiamo riassumere che la difesa è apparsa ieri sera abbastanza sicura e compatta con Volta e Billong che nonostante non siano il top a livello di complementarità risultano al momento la coppia centrale maggiormente affidabile, con il neo Dottor Puggioni pronto a sopperire a qualche svarione. A corrente alternata sono andati invece Maggio e Letizia, che comunque restano due pedine importanti per questa squadra.

Le noti dolenti o diciamo meno sorridenti arrivano dal centrocampo dove Viola è andato a sprazzi e Bandinelli e Tello sono riusciti in poche occasioni ad aumentare i giri della gara, sbagliando troppi appoggi in fase di impostazione. In avanti Coda ha cercato non sempre riuscendoci a creare spazi per i compagni, perdendo però in fase di lucidità sotto porta. Per fortuna di tutti ieri sera Insigne è stata una spina nel fianco della difesa amaranto, creando spesso superiorità numerica e non a caso da alcune sue iniziative sono nate le azioni più pericolose dei giallorossi.

Da rivedere Buonaiuto, che delle volte si innamora troppo del pallone quando dovrebbe giocarla in velocità con uno come Letizia che spesso arriva da dietro tipo FrecciaRossa sui rettilinei umbro-toscani. Positivi gli ingressi di Ricci e Nocerino, che si sono guadagnati la pagnotta, meno l’impatto sulla gara di Improta che su una ripartenza doveva essere sicuramente più altruista e mettere al sicura la partita.

Concludendo, perchè forse mi sono dilungato troppo, vorrei anche analizzare un qualcosa che ho notato in queste prime giornate casalinghe. Ho l’impressione che un po’ il pubblico giallorosso si sia fatto il palato leggermente fine dopo l’anno in massima serie e mi spiego; nel primo anno di B con Baroni ricordo anche lì alcune gare giocate non bene, tipo quella di ieri col Livorno, ma vinte semmai con un guizzo di Ceravolo o di Chibsah (ieri sera presente in tribuna la Vigorito) e tutti eravamo entusiasti e super eccitati per quelle vittorie, perchè forse all’epoca ci permettevano di avvicinarci ad una salvezza che restava l’obiettivo primario di quella stagione.

Allora ritroviamo un po’ tutti la giusta dimensione, è vero, è stata costruita una squadra importante, ma questo non vuol dire che si riesca a vincere sempre  tutte le gare tipo quella con la Salernitana, bisognerà anche accontentarsi alcune volte di pareggi o di vittorie striminzite. Tutte le big stanno facendo fatica in questa stagione e anche il Benevento, ma cerchiamo un po’ tutti di goderci al meglio un campionato importante come la B e anche vittorie come quella di ieri sera. Il cammino è lungo ma cerchiamo tutti di dare il nostro contributo alla causa iniziando da sabato con la Cremonese, squadra ancora imbattuta e ben costruita. Non dimenticando mai da dove veniamo… forse più dalla C che dalla A.

Alla prossima…

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...