Il Day After di Benevento – Venezia. Insigne show e il Vigorito torna fortino…

Dopo un mese di calcio mercato tra trattative, colloqui, promesse e chi più ne ha più ne metta, torniamo finalmente a parlare di calcio giocato, quello che alla fine effettivamente conta. Dopo la sosta individuale ed il gong del calcio mercato mister Bucchi si è ritrovato con due frecce in più per il suo arco. Crisetig e Caldirola sicuramente rappresentano due buoni innesti, nonostante il difensore ex Werder Brema sugli almanacchi risulta aver trovato poco spazio in Germania.  Ma i due ultimi arrivi non sono gli unici ad aumentare sia numericamente che qualitativamente la rosa giallorossa. Infatti ai predetti vanno sicuramente aggiunti i vari Antei, Tuia fermi ai box praticamente per tutto il girone di andata ed il rientrante Armenteros.

Detto ciò, ieri col Venezia bastava guardare la panchina a disposizione di mister Bucchi per capire che effettivamente, almeno per il momento, il tecnico giallorosso può contare su varie soluzioni di livello su tutti e tre i reparti. Sicuramente una buona notizia per tutto l’ambiente giallorosso in vista delle prossime sedici gare da giocare tutte a mille. Ma come dicevamo ritorniamo a parlare di calcio e andiamo ad analizzare la vittoriosa gare di ieri contro il Venezia di mister Zenga. Un 3 a 0 finale, forse un po’ troppo pesante per i lagunari, ma non certo non meritato da una squadra che ha pensato esclusivamente a non prenderle, scoccando il primo tiro verso Montipò all’85’ con l’ex Salernitana Bocalon.

Troppe esagerate tra l’altro sono apparse alla fine le proteste venete per presunti torti arbitrali per situazioni apparse sinceramente abbastanza chiare e lineari. Ma queste sono problematiche che lasciamo ai veneti mentre noi cerchiamo di dare il solito sguardo alla gara di ieri pomeriggio. E iniziamo a parlare subito dell’uomo del match, Roberto Insigne che ieri sin dalle prime battute è apparso in palla mettendo diverse volte in crisi la retroguardia verde arancio. Un Insigne super che con due goal ed un assist si è abbattuto sul Venezia, permettendo quasi a Coda di non dannarsi più di tanto e di trasformare con tranquillità il rigore del 2 a 0 facendolo entrare in doppia cifra.

A centrocampo mister Bucchi preferendo Buonaiuto per Tello ha voluto aumentare il tasso tecnico a dispetto della corsa e dell’intensità. L’esperimento possiamo dire non ha dato i frutti sperati, perché Buonaiuto è andato a sprazzi creando pochi pericoli sulla tre quarti. Discreto l’esordio per Crisetig che comunque ha mostrato intelligenza tattica e geometrie nonostante la condizione fisica non ancora al top. A double face invece Bandinelli, svogliato nella prima frazione e concreto nella seconda con un rigore provocato e un assist al bacio per Insigne. Non eccezionale l’apporto dato alla gara dagli esterni con capitan Letizia una spanna in più del collega Improta, apparso un po’ scarico e senza spunti interessanti.

Qualche nota non proprio positiva è arrivato dal pacchetto arretrato dove Volta è apparso stranamente impacciato e forse bisognoso di tirare un po’ il fiato dopo aver tirato la cosiddetta carretta per l’intero girone di andata. Positiva ancora una volta la prova di Antei sempre più in crescita e senza infamia e senza lode quella di Di Chiara le cui lacune in fase difensiva ovviamente sono maggiormente riscontrabili nelle gare esterne, dove un difensore più puro sicuramente potrebbe dare maggiore sicurezza. Presente ha risposto ancora una volta Montipò chiamato in causa seriamente all’85’ da Bocalon e dimostrando di essere sempre attento e concentrato.

Un Benevento comunque positivo quello visto ieri, che ha dalla sua ancora importanti margini di miglioramento che possono far ben sperare per il futuro. Una cosa importante è e sarà quella di far ritornare il Vigorito come fortino, tre sconfitte e due pareggi nel girone di andata tra le mura amiche devono essere assolutamente cancellate in quello di ritorno, per poi recuperare quanti più punti possibili nelle gare esterne come la prossima in quel di Salerno. I derby si sa sfuggono ai pronostici e sono partite a se stanti, ma è altrettanto vero che se si affrontano con determinazione e con la testa sgombra da pressioni varie possono regalare belle soddisfazioni, ed i 2000 tifosi giallorossi che probabilmente saranno presenti nel settore ospiti dell’Arechi non aspettano altro…

Alla prossima…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...