Inzaghi-Day…After. Il Benevento da oggi in ritiro tra certezze e qualche ovvio punto interrogativo…

Si riparte. Primo giorno di scuola ieri pomeriggio per il Benevento di patron Vigorito, ad un mese esatto dalla conferenza dell’Hotel President che aveva di fatto chiuso la scorsa annata e preparato la strada alla nuova stagione, terza in assoluto in serie B. Nell’affollata e prestigiosa sala di Palazzo Paolo V, location prescelta dalla società, si è tenuto l’evento di presentazione del neo tecnico giallorosso Filippo Inzaghi e delle maglie del nuovo sponsor tecnico, Kappa. Diverso quindi il maestro della “scolaresca” Benevento, che dalla sciagurata semifinale di ritorno con il Cittadella ha di fatto perso mister Bucchi e proprio da ieri, fisicamente ha fatto conoscenza con il neo allenatore Pippo Inzaghi.

Una scelta quella dell’ex bomber di illustri formazioni di serie A, totalmente diversa come caratteristiche da quella fatta intendere dal presidente Vigorito nella conferenza stampa del mese scorso. Un depistaggio senza ombra di dubbio per gli affamati di nomi ed esclusive, visto che per bocca dello stesso Inzaghi il Benevento era sulle sue tracce da diverso tempo. Un avvicendamento in panchina opportuno dopo il brutto finale di stagione che al di la del risultato sportivo ha palesato un’assenza di crescita della squadra sotto il profilo del temperamento e del carattere. Ma guardiamo avanti, al futuro. Inzaghi arriva a Benevento dopo l’esonero in A col Bologna nella scorsa stagione. Un tecnico sicuramente giovane che da calciatore ha vinto tanto, ma si sa il mestiere di allenatore è totalmente diverso e tutto si azzera.

L’entusiasmo, la voglia e la competenza sia in lui che nel suo ampio staff non mancano, la serie B è un campionato molto equilibrato e particolare, e l’unico e solo giudice del lavoro che da domani in poi Pippo ed il suo staff andranno a proporre ai loro ragazzi a Pinzolo prima e Moena poi, sarà il terreno di gioco.  Nessuna preclusione nei suoi confronti, ci mancherebbe, ma duro sarà il lavoro a cui sarà chiamato il neo tecnico giallorosso, soprattutto nella testa di tanti elementi attualmente in rosa che hanno vissuto negli ultimi due anni sicuramente più delusioni che gioie.

Abbiamo parlato del nuovo maestro, ma è giusto dare uno sguardo anche alla “scolaresca” giallorossa. Come una classe che si rispetti ieri, come il primo giorno di scuola, ci si è rivisti dopo le vacanze estive, tra sorrisi, abbracci e pacche sulle spalle. I volti, praticamente gli stessi della scorsa stagione, nessun intruso, almeno non ufficialmente, visto che per la definizione della trattativa con il tedesco ex Foggia Kragl bisognerà attendere ancora qualche giorno. Fischi, prevedibili, per qualche scolaro ribelle come Pietro Iemmello, che pensiamo abbia appena fatto in tempo ad indossare le nuova combinazione estiva griffata Kappa; il suo futuro sicuramente non potrà essere nel Sannio. A proposito delle nuove casacche modello Kombat sembrano aver destato un positivo apprezzamento dalla piazza sannita.

Sicuramente con il mercato in pieno fermento qualche altro calciatore, come Costa e Puggioni in primis cambieranno aria, ma il lavoro di azzeramento fatto la scorsa stagione è un lontano ricordo. Diversi infatti gli elementi già sotto contratto che formeranno lo zoccolo duro della formazione di mister Inzaghi. Iniziando dai riscattati Montipò e Insigne per arrivare ai confermatissimi Volta, Caldirola, Maggio, Antei, Viola, Del Pinto, Improta, Vokic, Tello, Letizia, Coda e Armenteros. Proprio gli ultimi tre però, con il contratto in scadenza nel giugno 2020 nei prossimi giorni dovranno decidere insieme alla società cosa fare del loro futuro, con diverse formazioni importanti alla finestra.

Per qualcuno che lascerà il Sannio, sicuramente qualcun altro farà il viaggio opposto, perchè una cosa è certa, che la società giallorossa cercherà di accontentare le richieste del proprio allenatore, al quale ai nastri di partenza del campionato consegnerà un’autovettura in grado di potersela giocare con tutti fino alla fine. Insomma, gli auspici di questo ennesimo primo giorno di scuola sono sicuramente positivi e propositivi da parte di tutti, ma da domani lasceranno spazio alle corse ed al sudore a cui saranno sottoposti Maggio e compagni. Da cornice a quel che sarà, ci saranno sempre e comunque i tifosi della Strega, che come sempre, anche se i numeri degli abbonati al momento, nonostante i prezzi da serie D, non sono idilliaci, si stringeranno al fianco dei propri beniamini per festeggiare al meglio 90 anni di una passione giallorossa, tramandata in moltissimi casi da… bisnonno a figlio.

Buona stagione a tutti… tre, due, uno…partiti!!!

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...