Il Benevento a cinque giorni dall’inizio della stagione. Dubbi e certezze in casa giallorossa…

Ci siamo. Dopo la serata da incubo di fine maggio che estromise il Benevento dalla finale play-off, nonostante il vantaggio della gara d’andata, ad opera del coriaceo Cittadella di mister Venturato, ritorna, esattamente tra cinque giorni, il campionato cadetto. A tirare su il sipario sulla 90^ edizione del cosiddetto Campionato degli Italiani, toccherà proprio alla formazione di Pippo Inzaghi, che venerdì sera alle ore 21 sarà ospite del neo promosso Pisa in un’Arena Garibaldi sicuramente infuocata.

Il trio Inzaghi-Foggia-Vigorito presenterà ai nastri di partenza un Benevento sicuramente competitivo per la categoria, che per detta del massimo dirigente affronterà il secondo anno di un progetto triennale con l’intenzione di fare meglio della scorsa stagione, dove l’undici di mister Bucchi al di là di qualche evidente groviglio tattico aveva palesato in particolare, come costante, una mancanza caratteriale emersa poi in modo esponenziale nella semifinale di ritorno con il Cittadella. Ma comunque, come avevamo anche noi auspicato, era giusto non cancellare quanto di buono si era fatto nella scorsa stagione, confermando la maggior parte della rosa che attualmente forma l’attuale Benevento.

Sulla scorta di quanto di buono fatto fino a maggio scorso è ripartito il Benevento affidato a Pippo Inzaghi che si prepara ad affrontare questo campionato con diverse certezze, ma anche qualche pesante dubbio che andiamo ad analizzare con tranquillità e serenità, prima di apprestarci a vivere il terzo campionato di serie cadetta:

CERTEZZE:  Una delle certezze del Benevento, come abbiamo sottolineato sopra, è sicuramente quella di aver confermato tutti i giocatori importanti della scorsa stagione, soprattutto quelli come Caldirola, Viola e Coda che vanno a formare la spina dorsale della squadra e che hanno dimostrato sul campo di essere dei top-player per la categoria. A questa spina dorsale, mancherebbe il portiere, e qui il condizionale a parere di chi scrive, è d’obbligo. Già, perché il DS Pasquale Foggia a fine giugno ha riscattato il giovane e promettente Lorenzo Montipò con il chiaro intento di affidargli la porta giallorossa. Purtroppo però il buon Lorenzo sembra non aver ancora smaltito gli errori offerti nella semifinale di maggio e con il Monza ha palesato più di una insicurezza. Attenzione però, è anche chiaro che con una partita non si può giudicare un calciatore, ancor di più un portiere. Montipò nello corso campionato ha più volte tolto in diverse gare le cosiddette “castagne dal fuoco”, segno che comunque qualche qualità il terzo portiere dell’Under 21 pur ce l’ha. Sicuramente deve crescere sotto l’aspetto caratteriale, ma crocifiggerlo non pensiamo sia il modo giusto per tutelare comunque un patrimonio della società. E’ chiaro che abbia bisogno di sostegno e fiducia, anche dall’interno e sicuramente la girandola di nomi susseguitasi dopo la sua prestazione in Coppa certamente non fa il bene suo e nemmeno quello del Benevento. Tornando sulle certezze, al di la dei componenti dell’ossatura centrale, il gruppo è anche forte della presenza di importanti senatori come Gori e Del Pinto e di diversi calciatori che non possiamo definire comprimari come Letizia, Tello, Maggio, Insigne e Armenteros, per i quali sono stati spesi in passato bei milioncini di euro. Un gruppo solido a cui la società ha aggiunto elementi importanti come Sau e Schiattarella in primis, per accrescere anche quel gap di cui parlavamo prima a livello caratteriale. Discorso diverso per Oliver Kragl che nonostante il suo tiro alla dinamite, ancora facciamo fatica a collocarlo tatticamente in questo Benevento, complice anche una condizione fisica non certamente al top e pertanto forse sarebbe più giusto posizionarlo tra i dubbi che tra le certezze. Infine tra le certezze non possiamo non inserirci la torcida giallorossa che con le oltre 7.300 tessere ha ancora una volta sottolineato la vicinanza ad una società che per il terzo anno si propone per un campionato di B da protagonista.

DUBBI: E passiamo ai dubbi che attanagliano noi ed i tifosi giallorossi. Sicuramente le ultime uscite non fanno dormire sonni tranquilli. In primis come abbiamo già più volte manifestato il modulo tattico cucito sulla pelle dei giallorossi il 4-2-4, perchè di 4-4-2 c’è ben poco non ci appare equilibrato per quelli che sono gli uomini a disposizione del tecnico Inzaghi. Lo ripetiamo, non vogliamo fare i tecnici, perché non lo siamo, ma alcune situazioni tattiche appaiono palesi, come la mancanza in rosa di alcuni atleti con caratteristiche adatte a quel tipo di gioco. Non stiamo contestando il 4-4-2, perché con quel modulo alcune squadre hanno vinto i campionati, ma abbiamo diversi dubbi su come il Benevento possa attuarlo. Nella scorsa stagione il Benevento di Bucchi è passato dal 4-3-3 al 3-5-2 per poi chiudere la stagione con una via di mezzo, come il 4-3-1-2 che aveva trovato consensi sia per una fase difensiva con pochi rischi che per una fase offensiva con diverse soluzioni e a conti fatti, tanti di quegli interpreti sono tuttora presenti in rosa, per cui… vabbè ovviamente le scelte le lasciamo a chi è pagato per farle. Detto di Montipò e Kragl qualche altro dubbio ci viene dalla ormai non più verde età di capitan Maggio e dalla mancanza di un centrale di difesa veloce se si voglia continuare ad insistere sull’attuale modulo tattico. Poi, a mercato ancora aperto è lecito aspettarsi semmai qualche altro colpetto importante (semmai sull’out sinistro) unitamente a qualche under di qualità che quando chiamato in causa non faccia sentire l’assenza del titolare.

Questa, in pillole, la situazione in casa giallorossa a cinque giorni dall’esordio, nella speranza che è di tutti, che mister Inzaghi sappia trovare il bandolo della matassa e presentare in campo venerdì sera una squadra che sappia il fatto suo e che, in primis, dimostri di avere carattere da vendere al cospetto di una neo promossa che sicuramente venderà cara la pelle.

La parola ora passa al campo da sempre giudice supremo…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...