Ventura e Inzaghi si sfidano dinanzi a 15.000 spettatori. I probabili 22 in campo…

Un Monday-Night da togliere il fiato quello che andrà in scena stasera allo stadio Arechi tra Salernitana e Benevento  e che chiuderà di fatto la terza giornata del campionato cadetto. Un derby che probabilmente arriva troppo presto in particolar modo per i padroni di casa, che dovranno affrontare i giallorossi di Pippo Inzaghi con diverse assenze importanti e con qualche atleta ancora fuori condizione, ma comunque dall’alto dei sei punti conquistati nelle prime due gare di campionato. La cornice di pubblico sarà degna di una gara importante per la categoria, 15.000 infatti gli spettatori previsti, nonostante la giornata granata, di cui ben 1500 provenienti dal Sannio.

Pochi i cambiamenti e le novità almeno inizialmente nei due scacchieri che al di la di qualche assenza forzata vanno verso una riconferma quasi generale, partendo dai moduli di gioco. Ventura che nella conferenza pre gara si è mostrato molto curioso di vedere l’impatto dei suoi a questa sfida è intenzionato a confermare il collaudato 3-5-2, con Micai tra i pali, difesa a tre con karo, Migliorini e Jaroszynski. A centrocampo saranno ben cinque i calciatori schierati dal trainer granata con Cicerelli e Kiyine sugli esterni, mentre il “tridente” di centrocampo potrebbe essere formato da Oder, Di Tacchio  e Firenze. In avanti spazio al pericoloso tandem Giannetti – Jallow. Indisponibili saranno Akpa-Akpro, gli ex Billong e Lombardi, Mantovani e Calaiò.

In casa giallorossa, l’integralista Inzaghi cambierà molto poco rispetto alla gara interna col Cittadella, confermando ancora una volta il modulo 4-4-2. In porta ci sarà Montipò, troveranno poi spazio da destra a sinistra, Maggio, Volta, Caldirola e Letizia. Sulla mediana il primo ballottaggio sarà per la scelta di chi affiancherà Nicolas Viola. In due in lista per una maglia, Del Pinto pienamente recuperato o il neo acquisto Hetemaj, con il secondo favorito. Sugli esterni giostreranno Insigne e destra mentre sulla sinistra la presenza di Tello è data nettamente in vantaggio rispetto all’ex Improta. In avanti la scelta obbligata per la coppia Coda-Sau è praticamente scontata, tenendo conto della non convocazione per infortunio di Armenteros.

Una gara quindi aperta ad ogni tipo di risultato, dove l’atteggiamento ed il dettaglio potranno fare la differenza per l’una o per l’altra squadra. Da una parte una Salernitana ancora work in progress, ma che con due vittorie alle spalle ha acquisito una certa consapevolezza dei propri mezzi, dall’altra un Benevento più scafato ed esperto che dovrà sfruttare al meglio la maggiore amalgama e conoscenza di squadra. Occhio anche ai cambi a partita in corso che potrebbero in queste giornate iniziali di campionato risultare determinanti. Buon derby a tutti…

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...