Benevento – Juve Stabia, le Napo Pagelle

MONTIPO’:  Due interventi importanti nella prima frazione che salvano la Strega dalla capitolazione. Nella ripresa, resta sempre pronto e reattivo. Una sicurezza. VOTO: 7,5.
MAGGIO: Parte aggredendo bene la fascia di competenza, anche se stranamente un po’ nervoso. Continua senza batter ciglio a martellare anche nella ripresa. 38 ani e non sentirli.  VOTO: 7
VOLTA: Con l’espulsione di Caldirola tocca a lui dare sicurezza al reparto arretrato e lo fa sfoggiando una buona prestazione. VOTO: 7.
CALDIROLA:  La sua gara dura solo 24′ il tempo di dire qualche parola di troppo ad un fiscalissimo direttore di gara. Una ingenuità al pari di troppa fiscalità VOTO: 5,5.
LETIZIA: Rientra dall’infortunio e copre con la solita veemenza la fascia di competenza concedendo poco agli avversari. Ben trovato.  VOTO: 7.
HETEMAJ:  Quando il gioco inizia a farsi duro è pane per i suoi denti. E’ in una forma fisica invidiabile, pressa tutto e tutti fino al recupero. Il migliore in campo.  VOTO 8.
SCHIATTARELLA: Ingaggia un duello personale con il direttore di gara che lo prende di mira non fischiandogli nulla. Sempre il punto di riferimento della squadra in mezzo al campo e non solo. VOTO: 7.
DEL PINTO:  Davvero sfortunato, ritrova la maglia da titolare dopo tanto tempo, ha anche il tempo di sfiorare la rete al 16′. Lascia il campo per Tuia dopo l’espulsione di Caldirola.  VOTO: 6.

INSIGNE: Con l’inferiorità numerica deve anche pensare alla copertura e quindi fa poi un po’ di fatica nelle ripartenze, ma tanto sacrificio.  VOTO: 6,5.
IMPROTA: Parte forte nei minuti iniziali, poi anche lui deve arretrare il suo raggio d’azione. Spinge e copre sacrificandosi molto per la squadra. VOTO: 6,5.

MONCINI: Non riesce a fare reparto da solo, spizzica qualche pallone. Nella ripresa un colpo di testa su cross di maggio. VOTO: 6.
SUBENTRATI
26′ TUIA PER DEL PINTO: Si adatta con naturalezza al ruolo di centrale sinistro. Anche per lui una garanzia.  VOTO: 7
69′  SAU PER MONCINI:  Il tempo di entrare in campo e chiudere l’incontro con una delle sue perle. Nasconde la palla con giocate da serie superiore. VOTO: 7,5
69′ TELLO PER INSIGNE: Da gamba al centrocampo giallorosso e tutta la squadra ne trae giovamento. Spinge come un forsennato sulla destra. VOTO: 7

80′ BARBA PER IMPROTA:  S.V.

MISTER INZAGHI: Anche la matematica si inchina allo strapotere della sua squadra, alla quale ha dato una mentalità vincente, ma anche e soprattutto una identità. Nella gara della promozione ha il merito con il doppio cambio Sau Tello di azzeccare la mossa giusta. Grande il lavoro del suo staff che ha plasmato una squadra che regge a fine giugno un uomo in meno come se niente fosse. Per il resto i numeri parlano da solo. Complimenti e congratulazioni, questa promozione è marcata Pippo. VOTO: 10.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...